Ho riscoperto il microscopio, nel 2005. Ne avevo uno da bambino, regalatomi da mia nonna per un Natale quando avevo circa 8 anni. Con quel piccolo strumento avevo trascorso parecchio tempo a "scoprire" una parte di universo che è quì, anche a casa nostra. Quel bambino ha cinquant'anni ed ha deciso di regalarsene uno vero.
Ha sicuramente lavorato molto nel laboratorio dove si è meritato la pensione, però ricondizionato a dovere è ancora un apparecchio formidabile...spero che qui ne troverete la conferma.
Ho un Labophot Nikon, che con il tempo stà crescendo, come il mio interesse.
La mia "fissazione" sono i protozoi ed in particolare i
sarcodini...le amebe sono dei sarcodini, ma anche i radiolari ed i foraminiferi lo sono.
In questa pagina vi sono anche due
parameci, riconoscibili dalla classica forma a pantofola e dalle cilia che ne ricoprono l'intera superficie della cellula, anche se nel microscopio ottico vediamo solo quelle che si presentano sul bordo di profilo.
Queste cellule sono state riconosciute, ne rendo merito a Marco Brusadin al quale chiedo il permesso di pubblicarne, sul link "riconosciute", alcuni estratti dellla mail inviata.
mail
VIDEO
VIDEO
Le foto di diatomee vive qui a  sinistra sono tra le più recenti che ho scattato, sono state ottenute usando un obbiettivo Lomo da 40X ad immersione in acqua, tra queste e quelle qui sopra è passato un anno, e le differenze sono evidenti. Queste due immagini sono elaborate solo con un pò di correzione all'esposizione ed un tocco di sharpness in Photoshop...quelle in testa a questa pagina utilizzando lo stesso obbiettivo Lomo e lo stesso condensatore, hanno un elaborazione che definirei  pesante, i colori alterati dalla scarsa illuminazione ed un'esposizione piuttosto lunga.  Mi rendo conto di quanto abbia migliorato la mia tecnica in
poco tempo, il flash è alla base di alcuni miglioramenti, ma anche il lavoro di eliminazione delle vibrazioni. Nella pagina dedicata alla
microfotografia trovate un articolo sul setup che stò utilizzando.

La seconda di queste diatomee è danneggiata e stà perdendo il citoplasma che è uscito dalla sua struttura di silicio.
I primi due video qui sopra (partendo dall'alto) sono ripresi con un camcorder in afocale su di un oculare fotografico, il terzo è stato girato sempre in afocale con la stessa videocamera con il setup descritto nella pagina dedicata alla microfotografia.
Questo protisata è nel link "da riconoscere"
T  H  I  R  D  P  L  A  N  E  T
E' passato molto tempo da quando ho ricevuto lo stand del Nikon Optiphot 1, era maggio del 2007... Lo stand è  arrivato completo di tutte le dotazioni di "base"...porta obiettivi, attacchi per condensatore e stage ma totalmente privo della base con le ottiche e la meccanica. L'ho comprato su ebay per un paio di centinaia di dollari...allora scrissi entusiasta agli amici di MICROCOSMO che finalmente ero in corsa per il DIC.
Nel frattempo è arrivata la separazione da mia moglie e tutta una valanga di eventi correlati che hanno portato ad un impoverimento generalizzato ad ogni  ambito della mia vita non ultimo il momentaneo "abbandono" di tutte le mie passioni....lungi da me tediarvi con le conseguenze che questi eventi (per nulla rari, vista la casistica) hanno causato nella mia vita, diciamo che ci stò ancora lavorando.....ad agosto 2008 ho montato in macchina l' Optiphot e l'ho portato da Adriano Lolli per ripristinarne anzi "ricostruirne" la base e la definitiva funzionalità. Sono passati molti mesi ed il continuo posticipare la lavorazione del mio microscopio da parte del Lolli (bravo...ma ormai "troppo" famoso) mi ha costretto a rinunciare e chiederne il ritorno alla base. Il microscopio mi è stato restituito ma nel frattempo una "gran botta di 23 ;)) mi ha fatto trovare ed acquisire un altro stand di un optiphot 1 questa volta privo di tutto ma con tutte le ottiche e la meccanica della base BINGO.
Ora ho un secondo microscopio COMPLETO.
Dall' esperienza fatta sul Labophot ed i vari acquisti di questi anni ho praticamente già raccolto tutti i "componenti" e le ottiche per un secondo sistema che dedicherò quando sarà  possibile al
DIC, e sullo stand che avanza qualche esperimento sui led e chissà  che altro.

Piano piano...inizio  la scalata al "famigerato" DIC.
VIDEO
Qui sopra una serie di scatti della stessa ameba...tutti in illuminazione obliqua per arrivare al miglior "compromesso". Il condensatore è stato alzato ed abbassato per evidenziare in più o in meno l'effetto 3D.

Il condensatore usato è quello del contrasto di fase
3D GALLERY
STEREO MICROFOTOTOGRAFIA
Devo ringraziare i "pochi ma buoni" che ho incontrato nei gruppi di Yahoo.
Un "mega" grazie al gruppo di
Microcosmo,  per la loro pazienza, i consigli, ed il loro aiuto didattico, chiunque abbia un interesse e la voglia di coltivarlo seriamente dovrebbe dare un occhiata ai gruppi di yahoo e leggerne le threads, prima da spettatore e poi eventualmente decidere a quale partecipare.
Ebay, va mensionata, è stato uno strumento molto utile nel reperire oggetti di primaria importanza quali obiettivi o piccole parti, ma anche oggetti rilevanti quale una testa trinoculare per la microfotografia, oculari  fotografici, condensatori etc....certo tutto "costa" ma vige anche la filosofia dei piccoli passi, inoltre vi renderete conto che alcune cose le potrete realizzare con poca spesa e un pò di manualità e che altre utilissime magari erano finite da molto in un cassetto come il mio flash elettronico Cullmann di 25 anni fà, ora ringiovanito dalle batterie ricaricabili, con il quale realizzo i miei scatti....insomma un pò per volta l'angolo del microscopio cresce e voi con lui. Sono talmente tante le specie e le forme che incontrerete e il rapido mutare dell'ambiente...l'avvicendarsi delle generazioni, impossibile annoiarsi.

Attenzione alle fregature (ci sono anche quelle) qui ancora di più vige il concetto del gruppo e del consiglio di chi come voi ha la stessa passione ma molta più esperienza.
Last update 02/11/2010
Il microscopio è idealmente un telescopio alla rovescia, molti sobbalzeranno davanti al monitor leggendo quest'eresia, ebbene in un certo senso è anche vero. L'astronomia ottica ha bisogno di condizioni ideali per esprimere al massimo tutta la potenzialità della vostra ottica, il microscopio non ha impedimenti "meteo". Quando piove o ci sono solo nuvole, lui è li nella sua postazione con un universo da esplorare e fotografare, con una gran varietà di tecniche ed ingrandimenti. Non finirete mai di scoprirci cose nuove e di osservarci questo enorme frattale che è l'universo.
Qualcuno di voi ha mai solo sbirciato in un microscopio e poi annoiato ha acceso la televisione?
microscopia
thirdplanet.it